vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Francesco Guccini. La mia Thule

Proiezione del film-documentario che racconta la registrazione dell’ultimo disco del cantautore bolognese, ospite d'eccezione della serata.

13/05/2013 dalle 21:00 alle 23:00

Dove Aula Magna di Santa Lucia, Via Castiglione 36

Aggiungi l'evento al calendario

Un grande evento per la campagna "5x1000 ai giovani ricercatori dell'Università di Bologna":lunedì 13 maggio, alle ore 21 presso l'Aula Magna di Santa Lucia, verrà proiettata l'edizione integrale de "La mia Thule", film documentario che narra la registrazione dell’ultimo disco di Francesco Guccini all’interno del Mulino di Pavana, sull’Appennino tosco-emiliano.

Ospite d'eccezione della serata sarà proprio il cantautore bolognese, assieme alla moglieRaffaella Zuccari, agli autori Francesco ConversanoNene Grignaffini e ai produttori(Movie Movie, Limentra, Coop Adriatica, Unipol Gruppo).

Dopo aver raccontato nelle sue canzoni e nei suoi libri storie, vite, esistenze in cui molti di noi si sono riconosciuti, Guccini propone ora le sue ultime canzoni nel disco "L’ultima Thule" (mitica e remota isola dei mari del nord), condividendo con chi lo ha sempre amato una dimensione intima e personale come forse mai aveva fatto prima. E infatti la registrazione di questa sua ultima avventura avviene in un luogo a lui molto caro, il Mulino di Pàvana, sull’Appennino, dove Guccini ha trascorso la sua infanzia e la sua adolescenza.

Un luogo fisico dunque, ma anche fortemente simbolico, un luogo "magico" in cui Guccini ritrova il calore, gli affetti e i legami di un tempo. Il Mulino è stato per lui il luogo delle scoperte e della formazione, il "microcosmo" dal quale ha potuto attingere il materiale per le sue canzoni e i suoi libri.

Lo stile del racconto del film rimanda all'atmosfera e al concept del disco, restituendo - nelle immagini, nelle parole e nella musica - la scelta di Francesco di eseguire le sue nuove canzoni in un ambiente a lui familiare, in un paesaggio naturale e al tempo stesso "potente" (l'Appennino), in una atmosfera unica e irripetibile.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti